Myanmar

Myanmar fai da te. Come organizzarsi, come ottenere il visto ed i costi di viaggio 12


Myanmar fai da te. Come organizzarsi, come ottenere il visto ed i costi di viaggio

Essendo un Paese che si è aperto da poco al turismo, è lecito che sorgano dubbi riguardo all’organizzazione di un viaggio in Myanmar.

Ecco come ho organizzato il mio viaggio nella Terra dorata:

Documenti

Occorre essere muniti di passaporto con validità residua di 6 mesi e di visto d’ingresso.Per ulteriori dettagli e per informazioni riguardanti le vaccinazioni raccomandate, consiglio di consultare il sito della Farnesina http://www.viaggiaresicuri.it/paesi/dettaglio/myanmar.html

Il visto d’ingresso ha una validità di 28 giorni e si può richiedere presso l’Ambasciata in Italia, al costo di €25, oppure online, al prezzo di 50 dollari, presso il sito https://evisa.moip.gov.mm/Io ho scelto la seconda opzione. Entro pochi giorni dalla compilazione del modulo di richiesta dell’E-Visa, se l’operazione va a buon fine, arriva via mail la lettera di approvazione del visto. Bisogna stampare il documento e presentarlo agli ufficiali dell’Immigrazione dell’aeroporto all’arrivo in Myanmar, che vi rilasceranno il visto vero e proprio. Tra i campi da compilare, è richiesto il nome dell’albergo / guest house presso cui si alloggerà. Dunque è necessario prenotare l’alloggio almeno per la prima notte di permanenza nel Paese. Se raggiungete il Myanmar attraversando i valichi di frontiera, dovrete richiedere l’E-Visa su questo sito http://www.mip.gov.mm/

Consiglio vivamente di stipulare un’assicurazione sanitaria.Io sono coperta da una polizza annuale valida in tutto il mondo che mi costa €85 ogni 12 mesi.

Volo

Ho volato con Emirates al prezzo di €650.Un’alternativa che potrebbe farvi risparmiare è atterrare a Bangkok e raggiungere Yangon con Air Asia.

Myanmar

Guest house

Dormire nelle guest house è il modo migliore per evitare di finanziare i resort ed i grandi alberghi di proprietà dello Stato. Per una camera matrimoniale con bagno privato non abbiamo mai speso più di €15 a notte, a testa.

Cambio valuta

Conviene farsi cambiare i dollari in kyats presso le banche delle principali città. Evitate il cambia valuta dell’aeroporto.

Cibo

Per mangiare non ho mai speso più di 3 dollari per riso al curry, tofu e birra. Ma mi sfamavo anche con le frittelle da 1000 kyats.Non fatevi scappare l’insalata di avocado!

Myanmar

Spostamenti

Spostarsi con i bus notturni consente di risparmiare parecchio. Inoltre si evita di pagare una notte in guest house. Io mi son trovata bene con la compagnia JJ Express http://myanmarbusticket.com/buscompanies/get_company/1#

Per il viaggio da Yangon a Bagan e da Bagan a Inle lake ho pagato 22 dollari.

Per la tratta da Inle a Yangon ho pagato 24 dollari e nel prezzo era inclusa anche la cena.

Se potete fare a meno di utilizzare treni e aerei, farete nuovamente a meno di finanziare la giunta militare.

Myanmar

Per quanto riguarda i taxi, per raggiungere il centro di Yangon dall’aeroporto riuscirete a contrattare 4 dollari. Per spostarvi in città, invece, non pagherete mai più di 2 dollari.

Se, come me avete poco tempo, per raggiungere Bago e la Golden Rock, può essere comodo noleggiare un taxi con autista.Al prezzo di 110 dollari abbiamo potuto visitare le due località in giornata e rientrare a Yangon.

Myanmar

Il motorino elettrico è perfetto per girare la piana di Bagan in autonomia, al prezzo di 3 dollari al giorno.

Myanmar

Viaggiate leggeri. Come in tutto il sud-est asiatico, il servizio di laundry è davvero conveniente. Con l’equivalente di €1.40 ci son stati lavati e stirati i vestiti.

Ingessi

A Bago, Bagan e Inle bisogna pagare una tassa di ingresso. Anche alcuni templi di Yangon sono a pagamento. Totalizzerete l’equivalente di €30.

Myanmar

Escursioni consigliate

Se riuscite a inserire nell’itinerario un’escursione a Golden Rock e Bago, ne vale la pena. A questo proposito, vi propongo il mio itinerario di 11 giorni nella terra dorata.

Al lago Inle consiglio l’escursione da 8 ore che comprende la visita della Shwe Indein Pagoda. Per 18 dollari abbiamo avuto a nostra intera disposizione il barcaiolo.

Myanmar

Telefonia

Conviene acquistare una sim locale sia per far capire ai tassisti (gran parte dei quali non parla inglese) dove si vuole andare, avvalendosi di Google Maps, che per chiamare i soccorsi a Bagan quando si scarica la batteria al motorino elettrico. Io ho acquistato la sim Ooreedo e il piano da 6 GB per un mese, al costo di €7.

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 commenti su “Myanmar fai da te. Come organizzarsi, come ottenere il visto ed i costi di viaggio

  • Gloria

    Ciao! Che bello, vorrei tanto partire. Terrò in considerazione questo tuo post Roberta! Spero con l’anno nuovo di partire per questa meta da me tanto desiderata!
    Intanto mi godo i tuoi post utilissimi.

  • Blueberry Stories

    Ho appena finito di vedere un servizio in televisione su questo Paese, e ogni volta resto incantata dalle sue mille sfumature. Il tuo dev’essere stato uno di quei viaggi che non si dimenticano…

  • Leo Rosina

    Andrò in Birmania in agosto.
    Anche io la penso come te a proposito dei posti dove andare a dormire, spero di poter trovare facilmente delle guest house. Hai qualche consiglio in proposito.
    A proposito del cibo: cosa mangiare e cosa evitare?
    Ho trovato molto interessante leggere il tuo report di viaggio. Tra un po’ mi metterò in moto per organizzarlo bene, nel frattempo raccolgo materiale e suggerimenti…
    Grazie

    • Stellaaroundtheworld L'autore dell'articolo

      Che bel viaggio ti aspetta!!
      Per l’alloggio, io ho dormito in guest house piuttosto misere che non mi sento di consigliare, a parte la Northern Breeze guest house a new Bagan. Per quanto riguarda Yangon cerca nei pressi di Chinatown e a Inle, qualcosa che sia vicino al molo.
      Per quanto riguarda il cibo, a me è piaciuto tutto ciò che ho assaggiato. In particolare, ho adorato l’insalata di avocado e le polpette di polpo.
      Se posso esserti d’aiuto per altre dettagli del tuo viaggio non esitare a contattarmi. 🙂

  • Ila

    Ciao!
    Sogno di andare in Myanmar da quando ho sentito una ragazza parlarne al telefono come della cosa più bella dell’Asia! E io adoro l’Asia, quindi sono EMOZIONATISSIMA!!
    Su internet ho trovato però poche informazioni recenti per “viaggiare responsabilmente” (o magari sono io incapace a trovarle). Quindi il tuo blog è una manna dal cielo!
    Come hai trovato le guesthouse dove hai dormito? Vedo che a Leo ( … che viaggia con me e io con lui 🙂 ) hai sconsigliato quelle che hai fatto tu, ma come facciamo a trovarne altre? Chiediamo ailla gente del posto e incrociamo le dita?
    Ah, per Yangoon, dove ci consigli di alloggiare? Dobbiamo fare il visto e penso dovremo dichiarare la nostra prima destinazione. (PS: fare il visto con l’ambasciata adesso costa 40 €, non più 25…)
    Grazie!!

    • Stellaaroundtheworld L'autore dell'articolo

      Il Myanmar, in effetti, è stato uno dei miei viaggi più belli.
      Per quanto riguarda le guest house, io le ho prenotate su Booking, spuntando le caselle “ostelli, affittacamere” alla voce “tipologia di struttura”, appaiono tutte le guest house / inn della località scelta.
      A Yangon, è comodo alloggiare nei pressi di China Town a downtown. A Bagan, come ho scritto a Leo, mi sento di consigliare la Northern Breeze Guest House, mentre a Inle, cercate nella zona di Nyaung Shwe.
      Grazie per l’aggiornamento sul prezzo del visto 🙂
      Se posso esservi d’aiuto per il vostro viaggio non esitate a contattarmi.

      • Ila

        Scusa, non vorrei risultare pignola… ma prenotare una guesthouse con booking non è come prenotare un hotel? cioè, non viene cmq “finanziato lo stato” più che il cittadino? Scusa se è una domanda sciocca… e Grazie!

        • Stellaaroundtheworld L'autore dell'articolo

          La scelta di alloggiare nelle guest house è dettata dal fatto che i grandi alberghi di lusso sono di proprietà della giunta militare. Quindi, dormendo in ostelli e gh di fascia bassa si vanno ad aiutare i piccoli albergatori.
          Lo stesso discorso vale per le escursioni: meglio affidarsi alle guest house ed evitare i tour organizzati dall’agenzia turistica governativa. Così come è sconsigliato l’utilizzo dei treni, a favore dei bus.
          Che poi le guest house si appoggino a Booking o meno prescinde dalla situazione politica del Paese.
          Certamente è possibile chiedere alle persone del posto dove dormire una volta lì, ma è indispensabile prenotare almeno la prima notte in Myanmar (attraverso Booking o altre piattaforme) per l’ottenimento del visto.
          Un ultimo consiglio: evita le guest house che hanno il nome del luogo in cui si trovano (es. Yangon GH, Bagan GH, ecc) perchè, probabilmente, anch’esse, appartengono allo Stato.

  • silvia

    ciao

    volevo chiederti se secondo te il Myanmar è un paese sicuro per una donna che viaggia sola (bus notturni ecc.)

    grazie mille!
    silvia